CHIOGGIA città d’acqua

Presentazione per il Progetto “Sensitive City”
dello Studio Azzurro di Milano
per il padiglione italiano all’Expo di Shangai

Situata nell’estremo lembo meridionale della Laguna di Venezia, Chioggia occupa una posizione geografica singolare: tra mare e laguna, quasi sospesa tra diverse tonalità di azzurro del cielo e dell’acqua.
Chioggia è inconfondibilmente una città d’acqua, con il mare che si incunea nel suo territorio attraverso i canali, come l’aria fra le dita di una mano.
Sono i tre i canali che scorrono paralleli, dividendola a fette in una serie di isole cucite dai ponti. Al centro vi è il canal Vena, senz’altro il più pittoresco, nelle cui rive si assiste al frenetico via vai giornaliero della gente per il mercatino del pesce e della frutta e verdura. All’esterno i canal Lombardo e San Domenico che sono il porto-rifugio delle barche da pesca. Anche questo è un interessante itinerario per il visitatore curioso che può riconoscere dalla forma e grandezza degli scafi, ma soprattutto dagli attrezzi che montano, la varietà dei mestieri della pesca: le cocce volanti per il pesce azzurro, lo strascico per le specie più pregiate da fondo, le turbosoffianti per le vongole.
La presenza dell’acqua in questa città non è solo elemento fondante del suo essere: fonte di vita e al tempo stesso di precarietà, di benefici e di disagi.


Pagina sucessiva
   
Mený principale